mercoledì 1 giugno 2011

Passeggiando sulla Istiklal Caddesi

La Istiklal Caddesi è la strada del passeggio ed è localizzata  a nord del Corno d'Oro nel quartiere Beyoglu;un secolo fa, in un momento di massimo splendore,veniva percorsa dai ricchi Ottomani e dagli Europei in redingote,pizzi e ombrellini .In questa parte della città che unisce i borghi di Taksim e Pera, un tempo c’erano i fondachi commerciali dei mercanti italiani, oggi è possibile respirare un'atmosfera molto cosmopolita, direi molto sex and city,basta passeggiare per la Istiklal Caddesi per vedere boutique, gioiellerie da jet set e ristoranti inter nazionali; eleganti turchi occidentalizzati si mescolano a pochissime musulmane con il capo coperto da bellissimi foulard di seta dai colori sgargianti,ma anche queste, guardando bene,sotto i veli indossano jeans di Calvin Klein e qualche volta hanno sul naso occhiali di Armani o Ferré.










Molti gli edifici in stile liberty alternati a quelli moderni in un caledoscopio di colori. Quello che ci ha particolarmente colpito è stata la moltitudine umana che passeggiava lungo la strada, credo di non aver mai visto tanta gente insieme se non per qualche manifestazione----impressionante
Ci avviamo guardando le vetrine dei negozi  cercando di non soffermarci dinanzi a quelle delle multi nazionali che abbiamo anche in Italia, i gadget ed i pensierini per gli amici li avevamo già comprati tutti quindi eravamo lì solo per goderci il passeggio e cercare di immagazzinare realtà e cultura di questo popolo.Nel frattempo continuava a piovere , una pioggerellina sottile e persistente e stranamente orizzontale, in poche parole neanche l'ombrello serviva a molto.

Decidiamo di fermarci a bere un tè in un locale che ci colpisce per la libreria annessa Ada Cafè e Bistrò,a Napoli ne abbiamo uno in Piazza Bellini ma più antico questo è estrema mente moderno ed  Europeo, un cameriere in nero ci accompagna al tavolo ed ordiniamo un Tè alla ciliegia(chiaramente) ed un Apple pie( molto ma molto Inglese)
Nell'attesa ci guardiamo intorno ed abbiamo la sensazione di essere in un Bar di NewYork o di Milano; l'arredamente è essenziale nero e rosso, gli avventori parlano tutte le lingue,il posto è cosmopolita al massimo e mi sento la protagonista di una puntata di Sex and City, Miranda e Samantha(la mia amica ed io e tutte le ragazze del locale che sono tante) si stanno confidando i loro problemi con gli uomini.
Nella realtà più che le due indipendenti e libere protagoniste siamo entrambe  Charlotte la più legata alla famiglia ed alla coppia, in poche parole in noi alberga ed ha fatto tana la moglie e la madre per antonomasia ma queste sono divagazioni sul tema per chi conosce il Telefilm.

Magnifica Apple pie










Ci rifocilliamo con la buonissima torta, non oso più pensare a quanti chili sto mettendo,sono all'esagerazione ormai e tra la mancanza delle sigarette e le cose buone che sollecitano continuamente il mio stomaco e la mia testa in particolare mi sto abituando a stra mangiare,sarà dura al ritorno..Lasciamo il locale molto ma molto soddisfatte e continuiamo a passeggiare, decidiamo di acquistare ancora un po' di dolcetti da portare in Italia ed entriamo in una pasticceria affollata soprattutto di Turchi quindi siamo tranquille che i prodotti sono all'altezza; il locale è abbagliante la luce,strategicamente sistemata crea un effetto incredibile,sui banconi da esposizione ci sono confezioni già pronte ma noi preferiamo rivolgerci al commesso per delle confezioni al momento con una nostra scelta di lokum ai vari sapori; dopo l'acquisto continuiamo ad aggirarci nel negozio, avremmo comprato di tutto ma..... le valigie erano già al massimo della capienza.
Continuiamo a passeggiare in attesa di digerire la Apple Pie  per poter poi andare a cenare(stiamo esagerando veramente)e passeggiando ci scontriamo, si fa per dire, con un'altra pasticceria della IIstiklal dove il giorno prima avevamo avuto modo di assaggiare degli ottimi baklava.....(giuro non abbiamo mangiato nulla) ma abbiamo deciso di fotografare tutto il resto dei dolci che non eravamo riuscite ad assaggiare.
kadayif peccato non averlo assaggiati




Budini turchi

Nessun commento: