martedì 2 ottobre 2012

Il Gargano

Partiamo da Polignano a mare che sono già le diciasette il caldo è ancora tremendo e ci sono oltre 100 chilometri da percorrere.Faccio l'errore di fare un bagno prima di andarmene nell'ottica di rimanere fresca durante il viaggio......sbagliatissimo il costume bagnato si appiccica, il sale del mare gratta e l'aria condizionata che bisogna tenere accesa causa i 35 gradi  ti ghiaccia. Riesco fortunatamente a cambiarmi  alla bene e meglio dopo una cinquantina di chilometri di sofferenza in un'area di servizio dove per prendere da bere abbiamo perso oltre mezzora. Riusciamo comunque ad arrivare a Margherita per le 19  e trascorriamo la serata  tranquillamente a cena dai mie amici ed a  passeggio sul lungomare tra bancarelle e famiglie.
Sabato e penultimo giorno quindi, come da programma, gita sul Gargano. Partiamo molto presto con l'immutato rammarico della mia amica che continua a passare le notte sul balconcino dell'hotel a conversare con il suo fidanzato.
Percorriamo la statale affiancando per chilometri e chilometri le saline , una spettacolo incredibile il sole illuminava i cristalli accumolati nelle vasche riflettendo colori cangianti. La strada fino a Manfredonia si è rilevata abbastanza tranquilla poi da Mattinata in poi una serie di curve interminabili con l'immancabile imbranato creatore di file allucinanti di auto a 20 chilometri all'ora.
Lo spettacolo però è magnifico, non lo ricordavo così bello, ci fermiamo per un pò di foto panoramiche

 
Sotto di noi la Baia delle Zagare, impossibile pensare di arrivarci se non prenotando un soggiorno presso l'hotel cinque stelle che ha la concessione in esclusiva della spiaggia,assolutamente impopolare ed ingiusto, oppure richiedendo un permesso  rilasciato in numero chiuso tutte le mattine dal comune di Mattinata  e sperare di riuscire ad attraversare l''hotel , dopo di che sperare di riuscire a  posizionare un asciugamano sulla spiaggia ( pare che se l'hotel ritiene che il numero di persone sulla spiaggia sia sufficiente ti rimanda indietro) insomma abbiamo rinunciato.
Riprendiamo il percorso verso le spiagge  scendendo verso la costa e ci ritroviamo in una zona di campeggi e spiagge. Ci fermiamo praticamente subito,gli stabilimenti balneari sono tutti sulla stessa spiaggia  quindi poco cambia come del resto anche  i costi. Lascio tutti  all'ingresso a pagare lettini ed ingressi e vado a parcheggiare a ......  casa del diavolo.
Siamo alla fine di agosto ma sarà  il caldo ed il luogo c'è una folla allucinante.Dalle nostre parti in questi periodi le spiagge si sfollano ma forse  e la tipologia di turismo che è diversa.
Cerco i mie amici e li trovo posizionati in sesta fila circondati da famiglie e con spazio vitale pari a zero tipo....  lettino a castello. Odio profondamente questi posti , li evito come la peste ma voglio troppo bene ai mei amici torinesi per non essere comunque felice di passare, anche in quelle condizioni, una giornata insieme al mare e loro lo apprezzano.
Il caldo è insopportabile non si riesce a stare stesi neanche cinque minuti , passiamo praticamente tutto il tempo in acqua, in lontananza si intravede Vieste

decidiamo andarci nel pomeriggio prima di rientrare; la giornata prosegue tra chiacchiere e bagni di mare...                            


1 commento:

giorgio ha detto...

bella la puglia bella vieste,brava tu rita. quando io andai nel gargano mi piacque molto Peschici