lunedì 25 settembre 2017

Cusano Mutri Gole di Caccaviola... Adrenalina

Passeggiata programmata da tempo e sopratutto attesa da tempo, una di quelle escursionI nel quale la fatica ,l'impegno e la forza si amalgamano e diventano adrenalina allo stato puro.
Partenza da Cusano Mutri con Matese Escursioni un'associazione di guide professioniste,preparate .....aggiungiamoci che sono  bellissimi ragazzi pure simpatici ed abbiamo raggiunto il massimo.Con me stamattina  Sabrina e Nunzia. Arriviamo a Cusano in anticipo ma nel giro di poco più di mezz'ora il gruppo si compatta con  Antonio Anna e tutto il resto del nucleo duro di costa delle sirene ed anche di nuovi partecipanti. Dopo l''escursione una parte di noi  resterà a dormire approfittando della sagra del Fungo Porcino ,io preferisco tornare sono a dieta e la sagra non lo consente e poi domani sento la necessità di una giornata per me..Saliamo su un pulmino dall'aspetto sconquassato, ci stringiamo e si parte. Iniziano i primi scherzi , i selfie i racconti le guide vengono fagocitate dal nostro entusiasmo; ho al sensazione  che le loro  menti vengano attraversate da pensieri del tipo  "sti pazzi ci faranno passare una giornata d'inferno" e invece,.. siamo state bravissimi Il percorso è pazzesco il pulmino sconquassato si arrampica su tornanti come un caterpillar.

Da un lato la montagna ed il rischio di sbatterci dall'altra il baratro, una situazione  allucinante. un solo coro di urla e strilletti fino a che è scattata, con la complicità di Anna, esperta di situazione di panico la canzone " tammurriata nera" che ha distratto tutti fino all'arrivo.
Ci accompagneranno nel percorso Valentino, Filippo, Marino , Giandomenico e  qualcun altro a supporto .Ci aiutano ad imbracarci, il tutto si svolge nel massimo della sicurezza e con totale assistenza. Si procede con un briefing per avere chiara la situazione corde, ganci e carrucole.  Foto di rito  con sorriso, casco e via verso la prima gola.
Non starò qua a raccontarvi passaggio per passaggio arrampicata per arrampica anche perche' non me lo ricordo ma cercherò di trasferire quanto provato e vissuto lungo il percorso. Guardo il primo cavo di acciaio che ci dovrà sostenere e che scende verso la gola, mi prende un attimo di tensione scavalco un paio di persone e decido che dovrà scendere sempre tra le prime . la tensione dell'attesa potrebbe giocarmi cattivi scherzi e una volta iniziato non si torna indietro....neanche l'elicottero ti può venire e prendere.
Questa scelta però mi è costata le foto in discesa sulla teleferica in quanto giù praticamente c'era solo la guida. La prima discesa è assistita, chiaramente, fissata la carrucola al cavo d'acciaio viene agganciata una corda che la guida usa a supporto in modo da impedire che si prenda velocità eccessiva nella discesa. Ok vado aggancio, corda ,mani sulla carrucola  mai davanti
potrebbe tagliare, mai dietro la frizione sull'acciaio produrrebbe un'ustione violenta ... il panico.
Bisogna sedersi sull'imbraco e lasciarsi andare, ecco quello è il momento in cui ti chiedi... perche' se il cuore reggerà se la paura ti farò mettere le mani nel modo sbagliate se e....  parti urlando verso il basso. Arrivo praticamente in braccio a Marino che mi aggancia con le mani e mi sgancia dal cavo di acciaio. Sto tremando, l'emozione è forte, l'adrenalina a palla. ma non ci si può fermare bisogna andare  lo spuntone di roccia è piccolo  giù c'è già Filippo che ci attende, scendo con una corda a nodi mi sento tanto  Messner  anche se il tragitto è brevissimo ma l'orgoglio dell'impresa è tanto. Avanti attraverso le rocce del greto del fiume praticamente in secca, troveremo solo alcuni punti dove l'acqua ha formato dei laghetti magnifici sui quali noi abbiamo volato attaccati ai cavi. Adesso c'è la prima parete e via con le longe , termine tecnico per i ganci da cavo da parete, mai staccarli insieme sono la nostra sicurezza ..prima uno poi l'altro così fino ad attraversare tutta la parete. I piedi dove trovi spuntoni ma questa è semplice, c'è come un piccolo terrazzo dal quale in atteggiamento spavaldo ci facciamo fotografare attaccate ed appese al cavo in perfetta sicurezza a mezzo metro dal laghetto. Ancora avanti una nuova corda di acciaio , stavolta la pendenza è minore ma l'attraversamento è tra due pareti che sembrano vicinissime. aggancio, seduta, cuore che batte gambe alzate... vedo la parete di roccia a due millimetri dal mio corpo che viaggia in velocità, sposto il bacino nell'illusoria sensazione di allontanarmi ma sono i ragazzi che da su fanno in modo che non succeda nulla.. sto arrivando ammorbidisco le gambe stavolta si arriva in piano sul greto.Avanti ... ancora una parete breve e non difficile o almeno ormai così mi sembra sto acquistando sicurezza vado spedita anche se le mani mi fanno male, ho i guanti ma l'acciaio delle corde fa male e sopratutto la forza che devi fare per reggerti si scarica nelle braccia. Fondamentalmente l'errore e caricare le braccia mentre dovrebbero essere le gambe e gli addominali a sostenerti ma l'impreparazione e l'adrenalina ti confondono.
Adesso c'è il primo passaggio non assistito in poche parole nessuna corda a supporto che regola la velocità si scende e basta. fortunatamente il tragitto è tale che non si riesce ad acquistare un grande velocità , l'altezza è irrisoria sotto di noi acqua. ormai mi sento un 'esperta mi siedo e scendo. Ancora un tragitto tra il greto del fiume in alcuni tratti supportato da corde dove potersi reggere per non cadere in acqua. Chiacchieriamo poco siamo tutti molto concentrati sui passaggi anche se le risate non mancano e sopratutto i ragazzi giocano con noi facendo si che la tensione si stemperi Sono bravissimi anche questo è un grande compito loro stessi nella loro professionalità e attenzione rendono il percorso divertente e armonico.
Valentino un mito ci racconta la storia delle formichine e di un grosso masso che si appoggia in equilibrio tra due pareti  per far si che possano passare da un comune all'altro" unico " Attraversiamo ancora un tratto di greto di fiume e qualcuno finisce con i piedi nell'acqua ma ci sta tutto e fa parte del gioco. Adesso si sale su di una parete bella tosta bisogna fare attenzioni alle mani i cavi di acciaio sono praticamente attaccati alla roccia devi inserire le lounge e le mani nei punti più larghi un 'impresa.
Una breve passaggio aereo non assistito con la difficoltà di doversi reggere sulla corda d'acciaio e dare da soli la velocità tenendo le mani dietro la carrucola e frenando con queste la discesa. Mi faccio forza sulle braccia sento la velocità e la voce di Marino che mi dice di rallentare fortunatamente il tragitto è breve e atterro praticamente su uno spuntone di roccia. velocemente bisogna andare dall'altra parte della parete...alla cieca mettendo i piedi un po' a casaccio e reggendosi con le braccia, mi prende il panico non riesco più a muovermi,

Valentino provava a darmi le giuste indicazioni...lounge, cavi, mani corde non riuscivo a sentire niente solo un la paura tremenda di farmi male le mani, il terrore, un attacco di panico. Valentino mi aggancia e mi porta dall'altro lato , sono bianca come un lenzuolo e tremo Anna mi sta vicino e come al solito mi supporta facendomi coraggio , anche Marino  cerca di sollevarmi il morale raccontandomi di persone che si sono bloccate in situazioni molto ma molto più semplici. Ma davanti me la teleferica più lunga 100 metri di pendenza tutti di un fiato dovendo anche fare attenzione ad uno spuntone di roccia. Anna mi consiglia di scendere per prima, assolutamente si . Adesso lasciarmi andare è più difficile ma la bravura dei ragazzi e l'esperienza su situazioni difficili fanno in modo che la mia discesa  inizi molto lentamente ma......solo fino ad uno spuntone roccioso poi.... lasciano che prenda velocità facendomi anche dondolare... urlo ma non di paura sto scherzando anch'io.... è passata. Aspettiamo gli altri e c'è chi arrivando racconta che il nostro amico Salvatore è scivolato ma le corde hanno impedito una rovinosa caduta sulle rocce. Ancora una camminata nel greto del fiume , grossi massi si intervallano a pietraie ,mi lascio scivolare arriviamo in uno slargo lontano dalle rocce ci fermiamo a mangiare c'è un po di sole finalmente. Le gole sono umide e fa molto freddo l'adrenalina il resto. Un mezz'ora di relax per mangiare e si riparte siamo quasi alla fine mancano ancora un paio di passaggi aerei e una parete "credo". L'ultimo tratto è abbastanza semplice o almeno così mi sembra, discese tranquille e varchi ampi L'ultimo passaggio su parete però  scatena tutto il mio rammarico per aver affrontato una situazione del genere in assoluto precario equilibrio. Inizio una giaculatoria del tipo "ma chi c... e ma vir che m....." ecc ecc alla Mara Maionchi per intenderci.

Sto scherzando ,rido e ridano i miei compagni di avventura tutti indiscutibilmente appesi alla parete. Ultimo 200 metri su pietre ... la strada e le macchine. Ci liberiamo dagli imbrachi e ci avviamo al paese non senza aver prima salutato, abbracciato , baciato i nostri magnifici ragazzi. Si va in paese la sagra sta per iniziare. Uno poco mi spiace di non restare ma ho bisogno di casa sono rientrata da poco dalla Sicilia. Prima di andare mi concedo una magnifica birra artigianale produzione Marino la" Iside " 5 gradi retrogusto amaro perfetta.
Ultimi saluti al gruppo che resta ed a quello che rientra  si torna a Napoli  pienamente soddisfatti di questa bellissima giornata e...

Un grazie particolare va ai ragazzi di Matese Escursioni che hanno saputo valorizzare un territorio spettacolare come il Matese e che con la loro professionalità ed allegria riescono a rendere queste giornate un momento magico ed emozionante A Valentino, a Marino a Filippo e Giandomenico, a Maria a Giulia ed a Mario impegnati nella sagra ma presenti in altre occasioni,come sempre un grazie immenso ad Antonio ed Anna che ci fanno trascorrere queste bellissime giornate ed a tutti i miei compagni di avventura

Foto Salvatore Verazzani, Marco Turcio, Antonio Cocozza e  buona parte del Gruppo Costa delle Sirene